I «Musica Nuda» in concerto
al Moro di Cava de' Tirreni

Venerdì 11 Ottobre 2019 di Luca Visconti
il progetto Musica Nuda

Il duo Musica Nuda, composto da Ferruccio Spinetti e Petra Magoni, apre la stagione di concerti jazz al Pub Il Moro di Cava de’ Tirreni. Sul palcoscenico del locale del Borgo Scacciavent, dalle 22, si presenta come l’esito ben riuscito dell’incontro tra destino e talento. Un incontro voluto dal destino quello tra Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. Cantante solista con all'attivo quattro album, nel gennaio 2003, la Magoni aveva in programma un mini-tour nella sua Toscana con un amico chitarrista. Proprio il giorno del loro primo concerto, quest'ultimo si ammala. Petra, invece di annullare la data, chiede a Ferruccio Spinetti, già contrabbassista degli Avion Travel, di sostituirlo all'ultimo minuto. Nasce così Musica nuda, che in quindici anni di intensa collaborazione ha collezionato riconoscimenti prestigiosi riconoscimenti internazionali. Per il duo c’è stato un continuo susseguirsi di album e concerti.Il loro ultimo album dal vivo si intitola Verso sud: un viaggio nel sud musicale dell'Italia e del mondo, pieno di istinto e libertà sia nello scegliere il repertorio sia nell'interpretarlo ma con leggerezza. I due musicisti  hanno realizzato più di 1300 concerti, producendo otto dischi in studio (l’ultimo in ordine di tempo “Leggera” del 2017), tre dischi live e un dvd, collezionando riconoscimenti importanti, come la  Targa Tenco nella categoria interpreti, il miglior tour al  Mei  di Faenza. Si sono esibiti in spazi prestigiosi tra cui l’Olympia di Parigi e l’Hermitage di San Pietroburgo, sono ospiti del Tanz Wuppertal Festival di Pina Bausch e, sempre in Germania, aprono i concerti di Al Jarreau. Un po’ jazz, canzone d’autore, rock, punk e musica classica, questa è l’idea, colta e popolare che fa del duo un unicum nel panorama nazionale. Un progetto coraggioso, indipendente: Musica Nuda è l’arte di saper riportare all’essenziale la musica per scovarne, al suo interno, il significato più profondo. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA