Bipiani Napoli Est, famiglie senz'acqua per una perdita

Martedì 6 Ottobre 2020 di Alessandro Bottone

Nel «campo bipiani» di Ponticelli, nella periferia orientale di Napoli, numerosi alloggi sono senza fornitura idrica. C'è un nuovo guasto all'impianto e diverse famiglie restano senz'acqua da parecchie ore. Tale circostanza, generatasi nel corso della scorsa notte, peggiora le già difficili condizioni di vivibilità nei container di amianto realizzati dopo il terremoto del 1980 per rispondere all'emergenza abitativa.

Per molte persone, dunque, non è possibile utilizzare i servizi igienici così come gli elettrodomestici. Molte altre famiglie registrano, invece, un abbassamento della pressione nelle proprie abitazioni. Le copiose perdite d'acqua si verificano nel punto del complesso in cui si intervenne già a fine luglio scorso. I consiglieri municipali del M5S hanno segnalato la delicata situazione ai vari organi del Comune di Napoli chiedendo di intervenire con celerità.

Gli allacci sono molto precari, in parte realizzati e riparati dai residenti stessi. Persiste una difficile condizione di degrado tra alloggi contenenti amianto, pareti e tettoie perforate, infiltrazioni d'acqua, pericolosi allacci ai contatori della corrente elettrica. A peggiorare le circostanze anche la presenza di topi. Condizioni igienico-sanitarie preoccupanti.

Per il complesso dei bipiani di Napoli Est sono previsti la bonifica, lo smantellamento, la demolizione e lo smaltimento a rifiuto dei 104 alloggi. Gli interventi saranno coperti con i fondi del "Piano strategico" della Città Metropolitana di Napoli: 1 milione e 978mila euro la somma messa a disposizione. Il termine dei lavori previsto è marzo 2023, tra due anni e mezzo. Ad oggi ancora non si conoscono le sorti degli attuali residenti del «campo bipiani», molti dei quali occupanti senza titolo. Una emergenza sanitaria, ora più che mai, e sociale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA