Il Comune di Napoli nomina due mobility managers: favorire la mobilità sostenibile

Mercoledì 29 Settembre 2021
realizzazione della stazione di Duomo della linea 1 della Metropolitana di Napoli

Il Comune di Napoli ha individuato e nominato, tra i propri dipendenti, i due Mobility Manager aziendale e d'area, figure previste dal decreto ministeriale per l'adozione dei Piani degli spostamenti casa-lavoro, responsabili della mobilità dei dipendenti dell'ente e della viabilità cittadina. L'operazione si inserisce nel programma di sviluppo e valorizzazione delle politiche di mobilità urbana sostenibile e prevede che le imprese con più di 100 dipendenti e le pubbliche amministrazioni dei Comuni con oltre 50mila abitanti sono tenute ad adottare, entro il 31 dicembre di ogni anno, un Piano degli spostamenti casa-lavoro del proprio personale dipendente finalizzato alla riduzione dell'uso del mezzo di trasporto privato individuale nominando, a tal fine, un Mobility Manager con funzioni di supporto professionale continuativo alle attività di decisione, pianificazione, programmazione, gestione e promozione di soluzioni ottimali di mobilità sostenibile.

 

Tali Piani sono necessari per poter accedere ai finanziamenti stanziati annualmente dal ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile e, come previsto dal decreto ministeriale, devono perseguire i seguenti obiettivi: disincentivare l'uso individuale dell'auto privata; favorire l'uso del trasporto pubblico; favorire la mobilità ciclabile e o la micro mobilità; diminuire la domanda di mobilità complessiva anche attraverso una distribuzione più efficace degli utenti del trasporto pubblico locale, oltre che a realizzare un coordinamento tra gli orari di inizio e termine delle attività economiche, lavorative e gli orari dei servizi di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano. Nei termini previsti dai decreti ministeriali sono pervenute al Comune di Napoli 9 Piani degli Spostamenti Casa-Lavoro attualmente al vaglio dei Mobility Manager d'Area, nominati dal Comune di Napoli.

Video

Da un primo esame dei piani pervenuti, le principali misure da implementare in base ai benefici conseguibili per i dipendenti, l'azienda e la collettività, sono mirate prevalentemente a creare app e/o spazi dedicati sulla intranet aziendale per la gestione del car pooling (viaggi in auto condivisi tra più dipendenti); realizzare iniziative che favoriscano la sensibilizzazione dei dipendenti sui temi della mobilità sostenibile; realizzare convenzioni con aziende di bikesharing e micromobilità condivisa al fine di fornire servizi dedicati o a prezzi agevolati per i dipendenti; realizzare convenzioni con le aziende di TPL al fine di fornire abbonamenti gratuiti o a prezzi agevolati per i dipendenti; istituire «buoni mobilità» da destinare ai dipendenti che si recano in ufficio utilizzando forme di mobilità sostenibile alternative all'uso dell'autovettura privata. L'amministrazione rende noto inoltre che nei prossimi giorni saranno inoltrate le richieste di integrazioni alle imprese che hanno presentato i Piani al fine di poter completare la documentazione da inoltrare al Ministero competente per il finanziamento delle misure. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA