Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marito tradito fa causa all’amante della moglie: ​«Mi hai rovinato la vita»

Mercoledì 6 Aprile 2022 di Egle Priolo
Marito tradito fa causa all amante della moglie: «Mi hai rovinato la vita»

Lui, lei e l’altro. Dove l’altro – l’amante – ora può tradire per sentenza, per il diritto alla libertà sessuale di cui parla la Costituzione. Lei nega e lui è tradito e beffato. Due volte. Lui, il marito, chiede infatti 600mila euro all’amante della ex moglie per avergli rovinato la vita, ma i giudici dicono no e lo condannano pure a pagare migliaia di euro di spese legali. Una storia nata tra le strade di Deruta, città umbra della ceramica, dove i cocci di un triangolo amoroso sono arrivati fino in tribunale per la pretesa del marito a essere risarcito dell’adulterio: non essendo più reato, l’uomo ha chiesto conto ai giudici civili della violazione dei doveri di fedeltà. Ma non alla moglie e madre dei suoi due figli minorenni, bensì all’amante, considerato “terzo” in una coraggiosa rilettura degli articoli del codice civile che disciplinano il matrimonio e impongono la fedeltà: le corna diventano allora un illecito «che quando produce danno – secondo gli avvocati dell’ex marito – dà titolo al coniuge tradito di chiedere il relativo risarcimento anche nei confronti del terzo». 

 

 

I post sui social

Una posizione ardimentosa che l’uomo ha provato a far valere fino alla Corte d’appello di Perugia, dopo che i giudici di primo grado di Spoleto, rigettando la sua domanda e condannandolo, non hanno neanche considerato provata l’infedeltà. L’ex marito, prima della separazione, ha fatto anche seguire la moglie, ha portato in aula le testimonianze di chi aveva notato la donna salire nell’auto del presunto amante e appartarsi con lui, di chi li ha visti entrare in un albergo, più il verbale dei carabinieri che per caso li avevano fermati insieme. E non solo. Ha cercato di dimostrare l’illecita infedeltà anche portando come prova i post con cui la coppia, secondo lui, lo sbeffeggiava liberamente su Facebook. Compresa una lunga favola che la donna ha pubblicato parlando di castelli in rovina - pronti a cadere «con chi so io dentro» - in una ricostruzione fantastica e fiabesca di una principessa liberata da una situazione evidentemente stretta. Ma nei post arrivati sul banco dei giudici c’erano anche immagini di Viagra e foto di bovini con possenti corna, scatti impreziositi dalla didascalia «A buon intenditor... chi vuol capire capisca». Tutte pubblicazioni, affidate al social e quindi sotto gli occhi di amici e parenti, che l’uomo ha considerato insulti e sberleffi indirizzati a lui. Così arrabbiato da perderci pure in salute, per la delusione e la vergogna. «Io lavoro tutti i giorni a Spoleto, finito il turno portavo i bambini agli allenamenti di calcio, li seguivo nei compiti e nelle attività extrascolastiche, collaboravo in famiglia e lei invece mi tradiva – ha raccontato ai giudici -. Quello ha iniziato a farle regali, a corteggiarla in maniera incalzante. Insomma, l’ha istigata a tradirmi, facendola allontanare di casa pomeriggi interi e pure di sera, senza una spiegazione neanche ai bambini. Avevamo una bella famiglia che si è distrutta per colpa di lui. E ora deve risarcire me e i miei figli». 

 

 

«Nessuna responsabilità»

Da parte loro, i due presunti amanti – che neanche una sentenza e un investigatore privato sono riusciti a sbugiardare e smentire – non hanno mai ammesso la tresca e lasciano tutti nel dubbio. Di certo ci sono solo le loro foto insieme su Facebook e oscuri riferimenti a gusci e minestre. «Senza castello vivo bene», scrive lei. «Minestra sei un tordo. Vai a leggere una bella storia con i tuoi compari», scrive l’altro. Se lui fosse per loro una minestra riscaldata e un cesto di ortaggi, non si saprà mai. I giudici di primo grado hanno considerato le frasi «più incomprensibili che offensive», mentre quelli di appello hanno dato ragione all’avvocato Marco Brusco e stabilito «il diritto di autodeterminazione, nonché della propria libertà sessuale, costituzionalmente garantiti» dell’altro. Che, seppur amante, non ha responsabilità (tanto meno civile) della fine di un amore. Un precedente importante anche per la giustizia lumaca: se ogni coniuge tradito facesse causa al presunto amante, in tribunale ci sarebbero cesti pieni. Di denunce.

 

Ultimo aggiornamento: 8 Aprile, 09:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA