Costiera Amalfitana, lavori no stop
per sbloccare le strade dopo i crolli

Sabato 28 Dicembre 2019 di Mario Amodio

Si lavora da giorni, complice anche il bel tempo, per risolvere i tanti danni causati dall’anomala perturbazione che la scorsa settimana ha causato frane e smottamenti in Costiera Amalfitana. Qui, dove le uniche arterie di accesso sono il Valico di Chiunzi e l’Agerolina (lungo questo percorso sono anche dirottati i bus della Sita diretti a Praiano, Positano e in Penisola Sorrentina dopo la frana alle porte di Amalfi) proseguono gli interventi per il ripristino della viabilità interrotta in più punti. A cominciare dalla pinetina di Maiori, dove la terribile frana di due settimane fa ha tagliato in due la Costiera Amalfitana che nonostante tutto continua ad attrarre turisti, seppur del mordi e fuggi.

Buone notizie arrivano da Cetara dove la ditta Cardine, dopo aver creato un corridoio transitabile sulla statale per risolvere il problema dell’isolamento del borgo marinaro, sta lavorando alacremente per consentire la riapertura in via ufficiale del tratto stradale almeno a sensi di marcia alternati. Anche a Vettica di Amalfi, dove il cedimento di un terrapieno tiene interrotta la statale in direzione Sorrento da domenica scorsa, proseguono i lavori di rimozione del materiale crollato affidati a una impresa del posto. Anche a Ravello, in località Casa Rossa, si procede a liberare la strada comunale interrotta dal vasto smottamento, così come a Pontone, dove lo scivolamento dei terrazzamenti portò via un’auto da cui poco prima si era miracolosamente allontanato un cittadino residente della frazione. Anche l’Anas sta procedendo al ripristino del piano viabile della statale 163 «Amalfitana» che è stato interessato in più punti anche da piccoli smottamenti. 

Ultimo aggiornamento: 14:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA