FF Napoli, Fortino: «Vincere?
Lavorare tantissimo ogni giorno»

Mercoledì 23 Settembre 2020 di Diego Scarpitti
Rodolfo Fortino

Fame di vittoria. Ha accettato di buon grado la nuova sfida, pronto a battagliare per il salto di categoria. L’umiltà del campione si riscontra nel voler aiutare i suoi compagni a raggiungere l’obiettivo prefissato. Colpo di mercato pregiato, Rodolfo Fortino intende prendere per mano capitan Fernando Perugino e soci e condurli alla meta sognata. 

Per tutti «Robocop», ha scritto con le sue prodezze la storia della Nazionale italiana di calcio a 5, è stato l’incontrastato re dei bomber per tanti anni nel campionato di serie A. «FF Napoli è una società che ha la mentalità del grande club e la determinazione di chi vuole vincere», spiega Fortino al primo anno all’ombra del Vesuvio.

Inizia un’altra storia. «Sono arrivato in questo club dopo tante soddisfazioni avute sul massimo palcoscenico del futsal e con la maglia azzurra». Vuole continuare a rompere gli equilibri e ad alzare sensibilmente l’asticella. Sempre più su, sempre più in alto, dove il cielo è sempre più blu (o azzurro che sia).

Ai nastri di partenza il team del presidente Serafino Perugino parte certamente favorito. «Per portare a casa i risultati, dobbiamo sudare ogni giorno e in ogni allenamento. Non conosciamo le nostre avversarie, ma daranno tutte il doppio dell'energia contro di noi, quindi testa e concentrazione per ottenere quanto desideriamo». Parla da leader Fortino, noto il suo carisma non da oggi.

Al PalaCercola già due settimane di allenamento. «Mister Basile è molto preparato e ci sta facendo lavorare sodo. Dare sempre il massimo è la mia mentalità». Fortino vuole trasmettere la sua carica: arrivare lontano e stupire tutti, sostenitori e avversari.
 
Napoli ha fatto immediatamente prevalere il suo inconfondibile fascino ed estasiato il nuovo acquisto. «Questa città è bellissima, la gente è accogliente e calorosa come in Brasile. Sono uscito a visitarla con gli amici, il mare è stupendo e si mangia benissimo».

E rivolge un pensiero speciale per il nuovo corso dell’Italfutsal. «Dieci anni non si dimenticano con partite che restano nel cuore. Faccio i miei auguri al commissario tecnico Massimo Bellarte: sarò il suo primo tifoso».

Sognano in grande i napoletani con il Robocop del parquet.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA