Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vastola, i successi internazionali
dell'Italcanoa targati Posillipo

Giovedì 5 Settembre 2019 di Diego Scarpitti
Rodolfo Vastola

Forti tinte rossoverdi colorano i successi della Nazionale italiana di canoa polo agli Europei di Coimbra. Visibile e significativa la presenza della pattuglia del Circolo Nautico Posillipo in Portogallo, costituita da Vincenzo Nugnes e Giuseppe Perrotti in acqua, mentre sul ponte di comando Rodolfo Vastola e Francesca Ciancio. Estremamente positivo il bottino riportato dalla spedizione azzurra nella rassegna continentale: due medaglie di bronzo conquistate dalla senior maschile e femminile, un argento con l’under 21 maschile e il quarto posto con l’under 21 femminile. A tracciare il bilancio certamente interessante il direttore tecnico Vastola.

«Sono abbastanza soddisfatto. Aver condotto quattro squadre in semifinale per la prima volta rappresenta un grosso risultato per la Federazione. Oramai con la senior maschile e femminile under 21 sono anni che ci confermiamo e possiamo ritenerci una certezza nel panorama internazionale». Evidente il trend di crescita dell’intero movimento. «Da tecnico della senior maschile, invece, sono parzialmente soddisfatto, in quanto la squadra aveva le potenzialità per vincere. Dobbiamo migliorare, per alzare asticella e il livello della preparazione. Sono molto contento della presenza di Giuseppe Perrotti. Dopo diversi anni, finalmente, un posillipino ha fatto parte del gruppo senior: la sua un’esperienza d’ingresso, in futuro potrà fare meglio».

Gli azzurri, vice campioni del mondo, battuti in semifinale dalla Germania (4-3), una riedizione della sfida iridata del 2018 in Canada, superano la Polonia e salgono sul gradino più basso del podio. Ripone grandi aspettative il d.t. anche nella compagine in rosa. «La Nazionale femminile sperava di ottenere un metallo diverso e l’impegno per il prossimo anno sarà ancora maggiore, per raggiungere un traguardo più prestigioso. E’ inutile nasconderci, puntiamo alla vittoria del Mondiale 2020, manifestazione che si annuncia difficile e complessa, tenendosi a Roma. Bisognerà attingere a tutte le nostre energie». Dallo storico bronzo ai mondiali canadesi dello scorso anno, le azzurre riescono a ripetersi anche nella manifestazione continentale.

L’Italdonne, guidata Francesca Ciancio, travolge la Francia (6-0). «Desidero sottolineare l’eccellente lavoro svolto da Francesca Ciancio, che ha saputo riorganizzare la squadra e trasmettere fiducia nei momenti difficili del torneo». Ennesima conferma che il movimento femminile sta creando solide basi, per essere protagonista nell’immediato futuro. «Altra nota positiva viene dall’under 21 maschile, dove abbiamo conquistato un’ottima medaglia d’argento e spicca la prestazione di Vincenzo Nugnes. Il capitano ha disputato un torneo sontuoso ed ha portato una medaglia di valore al Circolo Posillipo», conclude Vastola.

Nell’ultimo decennio il movimento italiano della canoa polo ha messo in bacheca ben 14 medaglie tra Mondiali, Europei e Word Games. La strada verso la Città Eterna (e aperta) è tracciata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA