Napoli, in via Mario Palermo strisce nuove ma restano le buche

Lunedì 30 Novembre 2020 di Alessandro Bottone

In queste ore diversi operatori sono a lavoro per ridisegnare la segnaletica orizzontale lungo via Mario Palermo, importante arteria stradale del quartiere Ponticelli, nella periferia orientale di Napoli. Una strada considerata molto pericolosa visti i numerosi sinistri verificatisi negli anni e interessata dal passaggio frequentissimo di veicoli, specie mezzi pesanti.

Il problema principale riguarda le pessime condizioni delle carreggiate - verso Volla e verso via Argine - per i numerosi e pericolosi dissesti non ancora riparati. Alcune “toppe” di asfalto sono state realizzate la scorsa estate dopo la segnalazione di alcuni cittadini che lamentavano vibrazioni continue nelle proprie abitazioni.

 

Gli interventi in corso sulla segnaletica rientrano nella nuova disciplina viabilistica che il Comune di Napoli ha adottato con una ordinanza dello scorso maggio, in pieno lockdown, per il tratto di via Mario Palermo compreso tra via Argine e via Commissario Ammaturo. L'ordinanza del servizio 'Viabilità e traffico', infatti, ha previsto l'installazione di una segnaletica stradale di tipo ordinaria e complementare per rendere più sicuro lo scorrimento dei veicoli avendo rilevato che «alle intersezioni non risultano regolamentate le manovre di svolta a sinistra ed a destra». Altresì ha previsto il «limite di velocità di 30 Km/h su entrambe le carreggiate» e il divieto di sosta lungo tutto il tratto.

Stamattina gli operai erano a lavoro nel tratto di via Mario Palermo in prossimità della rotatoria con via Argine e all'altezza del cimitero. Finora sono stati realizzati le strisce di margine delle carreggiate, un attraversamento pedonale e alcuni rallentatori di velocità del tipo acustico ed ottico. Successivamente dovranno essere ridisegnate anche le strisce che permettono ai veicoli di svoltare in sicurezza in prossimità dei diversi incroci di via Mario Palermo con le strade secondarie. Nell'atto è specificato che il dispositivo «entrerà in vigore a far data dal giorno successivo alla installazione della segnaletica». 

Rispetto alla segnaletica verticale installata nelle settimane scorse emerge una anomalia. Nel testo dell'ordinanza è specificato che i veicoli non possono superare i trenta chilometri orari ma sulla strada sono presenti diversi segnali che riportano come limite di velocità quaranta chilometri orari. Si trovano, in particolare, sulla carreggiata in direzione Volla e uno in direzione via Argine. Non risultano ordinanze che hanno modificato e integrato quella di maggio scorso.

L’atto ha, quindi, introdotto una disciplina momentanea e sperimentale «nelle more di procedere con interventi di tipo infrastrutturali ritenuti più incisivi per quanto attiene la sicurezza». In ogni caso il rispetto del limite di velocità previsto risulta fondamentale per evitare che i veicoli impegnino le diverse curve col pericolo di perdere il controllo, come capitato in molte occasioni. Inoltre, le “buche” e i detriti presenti sulla carreggiata impongono ancora maggiore prudenza in attesa di una riqualificazione straordinaria dell’intera strada che risulta ancora più evidente dopo le piogge dei giorni scorsi.

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA