Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio a Napoli, l'incubo della faida di camorra: la vittima era vicina al clan Vigilia

Mercoledì 18 Maggio 2022 di Luigi Sabino
Omicidio a Napoli, l'incubo della faida di camorra: la vittima era vicina al clan Vigilia

Un morto e un ferito. È questo il tragico bilancio registrato nel quartiere napoletano di Soccavo, teatro di due diversi agguati di camorra. Questa mattina, all’interno del cortile del civico 8 di via Contieri è stato trovato il corpo di Emmanuele De Angelis, 28 anni, ritenuto contiguo alla cosca dei Vigilia e già noto alle forze dell’ordine. Alcune ore prima, in via Vicinale Palazziello, Antonio Ernano, cognato del boss Alfredo Vigilia, era sfuggito ai killer rivali riportando solo una ferita d’arma da fuoco a un gluteo. Due episodi che gli uomini della Squadra Mobile di Napoli, titolari delle indagini, ritengono strettamente collegati e che, questo il timore, potrebbero essere l’inizio di una nuova e sanguinosa guerra di camorra per il controllo di Soccavo.

In realtà, già da diverse settimane, le forze dell’ordine avevano lanciato l’allarme che gli equilibri criminali nel quartiere della periferia occidentale, erano saltati. A far precipitare la situazione il ritorno in circolazione di alcuni esponenti di primo piano della cosca Grimaldi-Scognamillo, sodalizio da cui, diversi anni fa, gli stessi Vigilia si erano scissi a colpi di pistola. Uno scontro violentissimo caratterizzato da omicidi, ferimenti e pestaggi e che si concluse solo quando le forze dell’ordine disarticolarono il gruppo Grimaldi al termine di una complessa attività investigativa.

L’uscita di scena dei rivali, però, consegnò Soccavo nelle mani del boss Alfredo ‘o niro e dei suoi familiari. Rimasti padroni incontrastati del territorio e grazie anche alle alleanze strette con altre organizzazioni camorristiche dell’area, i Vigilia sono riusciti a mantenere pressoché intatto il loro potere fino a qualche anno fa quando, così come accaduto per i Grimaldi, anche loro dovettero fare i conti con la repressione dello Stato. Nel corso di una maxioperazione delle forze dell’ordine, decine di affiliati furono arrestati, compresi quelli che erano ritenuti i capi della cosca soccavese. Indeboliti e non potendo più contare sull’appoggio dei sodalizi amici, nel frattempo anche questi decimati dagli arresti, i Vigilia, nel corso degli ultimi anni, hanno tentato di barcamenarsi servendosi, secondo gli investigatori, di personaggi come De Angelis, cui era affidato il compito di occuparsi dello spaccio e della raccolta delle estorsioni, principali fonti di guadagno del sodalizio. Non a caso, proprio De Angelis, fu arrestato nel febbraio di due anni fa, dai carabinieri della compagnia Vomero perché, durante un controllo, fu trovato in possesso di alcune dosi di cocaina. Tornato in circolazione avrebbe, però, ricominciato a frequentare i vecchi compagni e questo lo avrebbe, inevitabilmente, trasformato in un bersaglio per i rivali del clan Grimaldi-Scognamillo. Non è un caso, infatti, che i sospetti sull’omicidio di via Contieri, come quelli sul ferimento di Ernano, puntino proprio in questa direzione. 

Video

Il gruppo, dopo le recenti scarcerazioni, infatti, si sarebbe riorganizzato e starebbe tentando di riprendere il controllo di Soccavo, sbarazzandosi di quello che resta dei Vigilia. Una conferma in tal senso è arrivata alcuni mesi fa quando nel corso di un’irruzione in un’officina di Pianura, fu interrotto un summit di camorra cui stava partecipando anche Francesco Scognamillo, rampollo dell’omonima famiglia malavitosa. Insieme a lui, anche loro armati, finirono in manette altri tre uomini, tra cui Umberto Loffredo, ras di Pianura, e, soprattutto, Gennaro Catone, uno dei reggenti della mala di Miano.

 

Non è tutto. Dalle informazioni raccolte dagli investigatori, quell’incontro, avrebbe ricevuto anche la benedizione della potente cosca dei Mazzarella. Il summit, secondo le teorie investigative, sarebbe stato organizzato per sancire la nascita di una nuova coalizione criminale in grado di prendere il controllo dell’intera area flegrea. Un’avanzata che, alla luce di quanto accaduto nelle ultime ore, sembra essere iniziata proprio a Soccavo.

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA