Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, cibo e musica per l'inclusione: la festa con i migranti a Ponticelli

Sabato 23 Luglio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli, cibo e musica per l'inclusione: la festa con i migranti a Ponticelli

Pietanze africane e un tipico piatto locale hanno messo insieme napoletani e migranti in una serata di condivisione e di festa. Così il cibo avvicina residenti e migranti a Ponticelli, quartiere nella zona orientale di Napoli, dove da tempo si lavora per l'inclusione e l'integrazione di persone che arrivano da diversi paesi dell'Africa, e non solo, scappando da situazioni di povertà e di particolare difficoltà.

Incontra è il nome scelto per la serata voluta dall'associazione Italiano senza confini nella quale si sono mischiate lingue straniere, italiano e dialetto napoletano. Ospitati nel cortile della scuola di via Argine - uno dei plessi dell'istituto comprensivo 83 Porchiano Bordiga - i volontari hanno invitato amici e residenti a conoscere la realtà associativa che opera a Napoli Est già da diversi anni insistendo sulla necessità e sulla bellezza della condivisione tra culture diverse. Il cibo e la musica tipici dei paesi da cui provengono i giovani migranti hanno accompagnato la festa a conclusione di un anno di attività, ovvero le speciali lezioni di italiano che vedono protagonisti i migranti ospitati nel centro accoglienza di Ponticelli e in quelli dei quartieri limitrofi. Appuntamenti settimanali in cui i volontari - studenti universitari e giovani della zona - aiutano gli stranieri a impadronirsi della lingua italiana attraverso giochi e momenti ludico-creativi. Uno strumento essenziale per farsi ascoltare, per trovare lavoro e per socializzare.

 

Attiéké, bevande tipiche africane e pasta e patate hanno deliziato gli ospiti che hanno conosciuto le storie dei migranti. Gli interventi hanno evidenziato le loro preoccupazioni, le difficoltà così come i desideri e le aspirazioni. Gli ostacoli quotidiani della burocrazia, la contentezza di un nuovo lavoro, il dolore per un permesso di soggiorno che non arriva, il dolore per i famigliari a chilometri di distanza. Sensazioni e momenti che i giovani condividono grazie alle speciali lezioni organizzate dai volontari ogni giovedì sera così da combattere l'emarginazione e la solitudine e per sensibilizzare i napoletani all'aiuto, alla solidarietà, all'amicizia tra persone e culture diverse abbattendo paure, pregiudizi e stereotipi.

«L'obiettivo dell'associazione e della serata è quello dell'inclusione. Promuovere momenti che possano mettere in contatto, in relazione le persone, in particolare modo i migranti residenti sul nostro territorio e i napoletani», spiega Marzia Calvanese presidente dell'associazione Italiano senza confini, che evidenzia: «É stata suggestiva la rete di solidarietà e di condivisione con le altre associazioni. E soprattutto tutto ciò è stato possibile grazie all'operato della dirigente scolastica Colomba Punzo la quale ci permette non solo di avere uno spazio per le lezioni di lingua italiana ma è stata capace di dare vita a un vero e proprio luogo di innovazione e generazione di idee per il quartiere Ponticelli».

All'iniziativa hanno preso parte residenti di Ponticelli così come volontari e attivisti di alcune associazioni che operano nella zona orientale di Napoli. Tra queste quelli di VeSpe - Verde Speranza, realtà che vede protagonisti migranti e napoletani che si occupano della cura del verde urbano in un percorso di formazione e di autonomia che mette al centro la persona, i suoi bisogni e aspirazioni in una società che vuole, e deve, fare della diversà una vera ricchezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA