Scandalo diplomifici, l'epicentro
è nell'Agro nocerino sarnese

Lunedì 21 Gennaio 2019 di Gianluca Sollazzo
Diplomi col massimo dei voti e certificati impossibili da reperire. Lo scandalo su presunti diplomi falsi utilizzati da bidelli emigrati al centro-nord Italia ha epicentro in provincia di Salerno, precisamente a Castel San Giorgio. Qui l’Ufficio scolastico regionale del Veneto ha indicato i nominativi di due istituti fantasma che non hanno mai avuto il decreto di riconoscimento di scuola paritaria autorizzata a rilasciare diplomi di qualifica triennali validi per l’inserimento nelle graduatorie di istituto 2018-2021 del personale Ata comprendete bidelli e assistenti di segreteria. Nel mirino due scuole-fantasma che avrebbero consentito a centinaia di bidelli salernitani di dichiarare un diploma di qualifica triennale col massimo dei voti. Secondo l’Ufficio scolastico del Veneto le due scuole sono il “De Sanctis” e il “Vanvitelli” di Castel San Giorgio. Ma questo era già noto all’Ufficio scolastico della Campania. A quanto si è appreso ieri, l’amministrazione campana, guidata dalla direttrice generale Luisa Franzese, aveva già indagato su queste scuole accusate di erogare titoli e diplomi non regolari: lo aveva fatto allertando “prontamente” i presidi del Lazio, della Sardegna e della Puglia.  Ultimo aggiornamento: 10:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA