Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Foro romano batte tutti: è il più visitato su Street View nella top 10 di Google

Mercoledì 25 Maggio 2022 di Paolo Travisi
Il Foro romano batte tutti: è il più visitato su "Street View" nella top 10 di Google

Si può scegliere di viaggiare in mille modi. All'avventura o con tutti i comfort, in gruppo, da soli e con l'immaginazione, che nella contemporaneità del mondo digitale, si è trasformata in virtualità. Essere in un luogo, pur non essendoci. Le nuove tecnologie, infatti, ci hanno permesso di viaggiare anche solo muovendo un dito sul nostro smartphone. Ecco che il turismo è diventato in qualche modo virtuale. E ce ne siamo accorti in questi due anni di lockdown e pandemia. A permetterlo, l'innovazione introdotta nel 2007, appena 15 anni fa, da Google che dopo aver cambiato le nostre vite con l'applicazione Maps, lanciò sulla piattaforma, l'opzione Street View. Bastava scegliere una strada, un monumento, un luogo d'interesse, cliccare e trasportare sulla mappa un piccolo omino giallo, per raggiungere quel posto immediatamente. La distanza fisica di migliaia di chilometri annullata in un click. In occasione di questo compleanno importante, Google ha realizzato una speciale classifica dei luoghi più visitati nel 2021 su Street View. Nella top ten dei siti più visitati d'Italia, al primo posto troviamo il Foro Romano, la culla della civiltà romana e della cultura italiana, oltre che modello di riferimento per l'Europa dell'antichità. In seconda posizione, la casa degli innamorati per eccellenza, quella di Giulietta a Verona, resa eterna dalla tragedia immortale di William Shakespeare. Al terzo posto, Palazzo Pitti a Firenze, simbolo del potere della famiglia Medici e sede di ben quattro musei. Nelle posizioni successive, troviamo Palazzo Ducale a Venezia, la Reggia di Caserta, il Museo storico di Castello di Miramare di Trieste, la Gallerie degli Uffizi, il Museo Egizio di Torino, il Museo Ferrari di Maranello e ancora Palazzo Vecchio, di nuovo a Firenze. Sorprendono molte assenze illustri, tra cui spicca quella del Colosseo, solo per citarne una.

 

 

I luoghi

Fondamentale l'arte ed i nostri meravigliosi siti storici ed archeologici, ma nell'infinita bellezza del Bel Paese, gli italiani amano fantasticare anche con i luoghi di vacanza, specialmente quelli marini, dove le spiagge si perdono nei colori stupefacenti dei nostri mari e laghi. Google ha pensato anche a questo, diffondendo la top ten delle spiagge più visitate online. Ecco al primo posto, contrariamente a quanto si potrebbe immaginare non ci sono Sardegna, Puglia e Sicilia, ma le Marche, per l'esattezza la spiaggia delle Due Sorelle a Sirolo, un gioiellino riscoperto negli ultimi anni dal turismo nazionale. A seguire la spiaggia di Tuerredda a Teulada, in provincia di Cagliari, un miracolo per gli occhi, mentre in terza posizione, non una spiaggia, ma un lago, nella bellezza incontaminata del Trentino Alto Adige, dove svetta il lago di Carezza a Nova Levante, non lontano da Bolzano. Ma per continuare a sognare ad occhi aperti, Google svela che nella top ten ci sono anche Cala Violina a Scarlino (Grosseto), la Cala del Leone a Livorno, la spiaggia del Lazzaretto ad Alghero, quella delle Ghiaie a Portoferraio, sull'isola d'Elba, e infine il litorale di Tropea, in Calabria, il porto di Civitavecchia e La Playa a Castellammare del Golfo (Trapani).

Google, stop a vendita annunci pubblicitari in base alla navigazione web

I nuovi progetti

Ma tornando al servizio di Google, l'idea alla base di Street View, la cui idea venne direttamente a uno dei co-fondatori di Google, Larry Page, era quella di mappare l'intero pianeta, per poterlo visitare tutto davanti allo schermo di un device. Oggi possiamo guardare edifici, strade, tutti i monumenti tra le 220 miliardi di immagini digitalizzate, che hanno mappato più di 10 milioni di luoghi in 87 Paesi, ma Google promette di più. E cioè di mappare aree ancora più remote, come gli angoli della foresta amazzonica o isole sperdute negli oceani, grazie ad un sistema grande come un gatto, dunque facilmente trasportabile ovunque. E poi c'è l'effetto nostalgia, un servizio che consentirà di vedere nel passato, cioè come erano quei luoghi nel 2007, quando nacque il servizio. Ma viaggiare nel tempo, quello, è impossibile anche per la virtualità. Per ora.

Ultimo aggiornamento: 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA