Gianni Fiorellino, il nuovo disco dedicato al padre scomparso: «Era il mio Peter Pan»

Venerdì 9 Aprile 2021 di Gennaro Morra
Copertina del disco C'era una volta Peter Pan di Gianni Fiorellino

Dodici brani nuovi, dodici istantanee che raccontano la vicenda umana e artistica di Gianni Fiorellino. È questa l’idea con cui è stato concepito C’era una volta Peter Pan, il nuovo album che il cantautore partenopeo presenterà in anteprima assoluta il 12 aprile con una diretta streaming che partirà alle 22 sulla sua pagina ufficiale di Facebook. Un disco che prende il titolo dall’undicesima traccia, una canzone struggente in cui Fiorellino ricorda il padre scomparso improvvisamente nel giugno 2020.

«Quello passato è stato un anno terribile per tutti, ma per me e la mia famiglia in modo particolare – dichiara l’artista –. Prima l’esplosione della pandemia e il lockdown, poi la perdita di mio padre, infine la positività al Covid. Sono stati mesi durissimi, che sono riuscito a superare grazie all’amore di mia moglie e dei miei figli. Ma, ovviamente, anche la musica è stata di grande aiuto». E, ovviamente, l’album è figlio di questo periodo molto difficile: «Soprattutto per l’improvviso addio di papà a cui non ero preparato e non è stato facile accettarlo. Mi è sembrato naturale ricordarlo con una canzone e dedicargli l’intero disco. Lui mi ha insegnato tanto, mi ha fatto capire che nella vita si commettono errori e si pagano, ma che vale sempre la pena essere se stessi e percorrere la propria strada. Lui era un uomo genuino, un sognatore che cercava l’isola che non c’è. Era il mio Peter Pan e io lo porterò sempre dentro di me e nella mia musica».

Oltre al sentito omaggio al padre, l’album contiene brani che parlano d’amore, un sentimento che Fiorellino racconta nelle sue molteplici sfumature: «Il disco si regge su tre pilastri fondamentali: i legami di sangue, rappresentati dalla figura di mio padre, appunto, l’amore per mia moglie e quello per i miei figli – spiega il 39enne –. E poi ci sono le storie degli altri: gli amori belli e semplici, quelli sbagliati e quelli malati. Ma si tratta pur sempre di amore, che alla fine è il vero motore del mondo».

Ma se l’amore è il tema prevalente nei testi, C’era una volta Peter Pan musicalmente è un album molto eterogeneo: si va dal rap al rock, passando per ritmi sudamericani, sonorità mediterranee e romantiche ballate. E poi c’è un ospite d’eccezione: «Nei brani Sto ‘e casa ncopp’’o Vommero e Un bravo attore alla batteria c’è Steve Ferrone, una leggenda della musica internazionale che vanta collaborazioni con i Duran Duran, i Bee Gees, Eric Clapton, Pino Daniele, Pat Metheny e Claudio Baglioni, solo per citarne qualcuna – spiega Fiorellino –. Inoltre, c’è Giusy Attanasio, che canta con me in Eterno ammore, il singolo che ha anticipato l’uscita del disco prodotto e distribuito dalla Zeus Record». Infine, c’è una sorpresa per i fan: «Nel cofanetto di C’era una volta Peter Pan troveranno anche il DVD di Sono sempre io, il live registrato al Palapartenope l’11 gennaio 2020, il mio ultimo concerto prima che tutto si fermasse. Sperando di poter tornare a suonare dal vivo quanto prima».

© RIPRODUZIONE RISERVATA