«Il centravanti e la Mecca» sul rapporto tra calcio e islam

Arriva "Il centravanti e la Mecca" sul rapporto tra calcio e islam
Arriva "Il centravanti e la Mecca" sul rapporto tra calcio e islam
Sabato 19 Novembre 2022, 13:05
2 Minuti di Lettura

Arriva il libro inchiesta sul rapporto tra calcio e mondo islamico: si tratta di "Il centravanti e la Mecca", presentato il prossimo martedì 22 novembre alle 16 a palazzo Corigliano in piazza san Domenico maggiore 12, a cura di Rocco Bellantone con prefazione del rettore Roberto Tottoli. Il romanzo sarà presentato insieme a Gennaro Gervasio, docente di storia dei paesi islamici all’università Roma tre.

Dall’oscurantismo dei talebani agli attentati jihadisti, dalla tratta dei talenti africani agli stadi vietati alle donne in Iran, dall’acquisto di Manchester City e Paris Saint-Germain da parte degli sceicchi del Golfo ai discussi Mondiali in Qatar.

Prima di darsi alla politica Erdogan è stato per anni uno spietato attaccante nelle serie minori turche, guadagnandosi in campo il soprannome di Imam “Beckenbauer”. Una delle passioni segrete del leader di Al Qaeda Osama Bin Laden era il tifo per la squadra londinese dell’Arsenal. Saddam Hussein sognava di vedere la nazionale irachena ai Mondiali di Messico ’86. Per riuscire nell’impresa assoldò quattro allenatori brasiliani, passati poi alla storia come i “Califfi di Baghdad”. Negli ultimi anni calciatori del calibro di Mohamed Salah, stella del Liverpool, Sadio Mané, passato dai Reds ai tedeschi del Bayern Monaco, e Paul Pogba, tornato alla Juventus dopo un’esperienza poco esaltante al Manchester United, hanno trascinato nel rettangolo verde la loro fede in Allah. Il resto lo hanno fatto i loro profili social, seguiti in tutto il mondo da decine di milioni di follower.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA