Napolil il Vasto assediato da spazzatura, topi e blatte: «Ci hanno tolto la dignità»

Domenica 11 Luglio 2021 di Antonio Folle
Napolil il Vasto assediato da spazzatura, topi e blatte: «Ci hanno tolto la dignità»

Qualche settimana fa i residenti del quartiere Vasto avevano messo in campo una iniziativa per sensibilizzare il territorio sullo spinoso problema dei rifiuti abbandonati in strada. Volantini distribuiti ai commercianti italiani e ai negozianti stranieri che in questa parte di Napoli abbondano. A giudicare dalla situazione di via Torino, però, sembra proprio che i volantini distrubuiti dal Comitato Quartiere Vasto siano rimasti lettera morta. La strada da cui poche settimane fa è stata sgomberata - ma solo perchè dovevano cominciare i lavori di ristrutturazione dell'ex palazzo della Cgil - una grossa baraccopoli abitata da senza fissa dimora continua a somigliare ad una vera e propria discarica.

 

Il cattivo odore di feci e di urina ormai è diventato una caratteristica di questa strada, costringendo i cittadini a chiudersi in casa anche in piena estate e ad evitare di affacciarsi da balconi e finestre. Il rischio di trovarsi di fronte al penoso spettacolo di persone intente ad espletare bisogni fisiologici è altissimo e a nulla sono serviti gli appelli e gli interventi estemporanei - rigorosamente a favore di telecamera - realizzati dal Comune e dalla Municipalità. 

Via Torino non è la sola strada dove si registrano problemi legati alla pulizia e al decoro delle strade. Se la strada intitolata al capoluogo piemontese in alcuni tratti ha addirittura cambiato colore, in altre zone - come via Firenze - i cittadini sono assediati da blatte, mosche e moscerini. Gli insetti sono attirati dai cassonetti della raccolta indifferenziata all'interno dei quali viene riversata la frazione umida prodotta dai tanti ristoranti del quartiere. L'odore nauseabondo attira gli insetti e i topi che banchettano allegramente tra i cassonetti svuotati a ritmo di lumaca. Se è vero che bisognerebbe serrare i controlli sui ristoratori incivili, è altrettanto vero che Asìa ad oggi non riesce a stare dietro al ritmo forsennato con cui gli stessi cassonetti vengono riempiti. Non mancano scene di vero orrore, con cadaveri di ratti trovati fin dentro gli androni dei palazzi. 

Questa sfortunata area di Napoli sembra ormai essere condannata ad essere un vero e proprio ghetto urbano e, soprattutto, a rappresentare l'emblema dei fallimenti amministrativi del Comune di Napoli. Quando via Torino è stata ripulita dai rifiuti e dalla baraccopoli - i senza tetto si sono semplicemente spostati a poche decine di metri - in pochi hanno creduto alle promesse di chi annunciava interventi più costanti sul fronte della nettezza urbana. 

Oltre al problema dei grossi sacchetti che giacciono abbandonati accanto ai cassonetti per giorni interi sotto a sole cocente, si registra il problema legato al mancato spazzamento delle strade. Di tanto in tanto nei vicoli del quartiere Vasto interviene la spazzatrice meccanica. La conformazione delle strade - e la sosta selvaggia - non consente una efficace opera di pulizia e così intere strade restano senza spazzamento anche per mesi interi. Da questo punto di vista l'intervento delle spazzatrici automatiche, promosse come "panacea" dei mali che affliggono il quartiere, non somiglia ad altro che un ennesimo - e costoso - spot pseudo-elettorale.

«In certe ore del giorno camminare in strada è praticamente impossibile - denuncia Adelaide Dario del Comitato Quartiere Vasto - visto che siamo assediati o dal cattivo odore di urina o dagli insetti che fuoriescono dai tombini. La deblattizzazione non è mai stata completata e oggi siamo costretti a chiuderci in casa perché, specie di sera, si rischia di trovarsi le blatte fin dentro gli appartamenti. Purtroppo - continua l'attivista - nessuno ha ascoltato i nostri appelli e così ci troviamo ancora una volta a denunciare la mancanza di quegli interventi di ordinaria amministrazione che qui diventano un miraggio. La cosa che fa rabbia - prosegue ancora - è che ogni tanto qualche losco figuro in odore di elezioni si presenta nelle nostre strade annunciando interventi e facendo promesse su promesse. Siamo stufi di essere presi in giro e di essere trattati come cittadini di serie b». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA