Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cremona, lite alla festa del paese: 40enne ucciso a coltellate. Giovanni Senatore colpito alla pancia da Mauro Mutigli

Venerdì 12 Agosto 2022
La vittima Giovanni Senatore

Almeno due coltellate alla pancia, una letale: è stato ucciso così, al culmine di una lite fuori da un bar a Castelleone, in provincia di Cremona, il 40enne Giovanni Senatore, morto ieri mattina in ospedale. L'aggressore, il 38enne Mauro Mutigli, come la vittima residente in paese, è stato arrestato dai carabinieri sulla porta di casa, dopo un inseguimento di una manciata di metri, con i militari che lo hanno bloccato mentre ancora palesemente alterato urlava «vi ammazzo tutti, vi ammazzo tutti».

Pescara, picchiata dal body builder non denuncia per paura. Salvata dal Codice rosso

Erano le 21,30 di mercoledi, il giorno di San Lorenzo, quando nel paese era stata organizzata una festa con artisti di strada: i due erano seduti ai tavolini di un locale vicino a piazza del Comune quando è scoppiato un diverbio, per motivi ancora da chiarire. Una lite che è rapidamente degenerata: pugni, calci e sediate. Sono intervenuti altri avventori e sembrava che tutto fosse finito. Invece Mutigli ha raggiunto il monopattino con cui era arrivato al bar e da sotto il sellino ha recuperato il coltello. È tornato di corsa, ha affrontato Senatore e ha affondato la lama. Almeno due volte. Forse di più.

Vigilisse picchiate a Fontivegge, l'aggressore sarà espulso

A difendere Senatore, ormai a terra in un lago di sangue, è intervenuto un amico, il 33enne Alessandro Ferrari, ferito di striscio. Poi Mutigli se n'è andato, tra le urla dei presenti, che hanno allertato Carabinieri e 118. Senatore è stato trasportato in ospedale in condizioni già disperate, mentre gli inquirenti iniziavano la caccia a Mutigli. Questione di pochi minuti e lo hanno fermato davanti a casa e arrestato. Deve rispondere di omicidio.

Perugia, dopo l'aggressione alle vigilesse, per la polizia locale arrivano i taser

La dinamica

L'uomo è in attesa dell'interrogatorio di garanzia, mentre sarà l'autopsia a chiarire quante volte è stato colpito il 40enne e qual è stato il fendente letale. I carabinieri stanno raccogliendo testimonianze per capire quale sia stata la ragione che ha scatenato la resa dei conti. Intanto il sindaco di Castelleone, Pietro Fiori, ha manifestato cordoglio alla famiglia di Giovanni, spiegando che è difficile commentare un «fatto gravissimo, che sconvolge tutta la nostra comunità».

Ultimo aggiornamento: 14:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA