Vinse tre milioni alla lotteria 25 anni fa, ma e rimasta a fare la commessa: «Vi spiego la mia vita»

Mercoledì 2 Settembre 2020 di Cristina Marconi
Vinse tre milioni alla lotteria 25 anni fa, ma e rimasta a fare la commessa: «Vi spiego la mia vita»

Vincere alla lotteria può cambiarti la vita, può addirittura stravolgertela. Ma c'è una donna, Elaine Thompson, che invece ha preferito continuare a condurre l'esistenza di sempre, nonostante i quasi tre milioni di euro vinti venticinque anni fa al lotto. Senza cambiare quasi nulla, neppure un lavoro che le impone di restare sveglia tutta la notte a riempire gli scaffali di un supermercato Marks&Spencer di cibo e prodotti vari. «Avevo due bambini piccoli all'epoca in cui presi la decisione», ha raccontato ai giornali la Thompson, sessantaquattrenne di Killingsworth, nel nord del Tyneside. «È importante che i bambini ti vedano lavorare duro e sappiano che dalla vita non arriva nulla se non lavori duro per ottenerlo», ha aggiunto, raccontando di essere riuscita nel suo obiettivo: i figli, che al momento della vincita nel 1995 avevano 10 e 5 anni, sono stati i primi della famiglia ad andare all'università e sebbene lei e il marito Derek li abbiano aiutati a comprare la loro prima casa, hanno imparato a farsi strada da soli.
 
LEGGI ANCHE Vince 158.000 dollari alla lotteria grazie a una tempesta

Le foto dell'epoca mostrano Elaine giovane e sorridente con un cappello da Babbo Natale e un sacco di banconote in mano, 2,7 milioni di sterline con cui si è concessa qualche sfizio, come quello di comprare una macchina nuova, una normalissima Ford Fiesta, e, con un po' più di brio, tre cavalli da corsa. Lei e il marito hanno poi spesso trascorso le vacanze a Las Vegas, ma non hanno mai avuto una donna delle pulizie. «Ma amo tantissimo il mio lavoro e solo perché ho vinto alla lotteria non significa che io voglia smettere di lavorare, è tutta una questione di equilibrio», ha spiegato. E quindi per mantenere i piedi per terra ha continuato a lavorare quattro notti a settimana e a fare un lavoro duro che non ha smesso neppure ora che ha quasi sessantacinque anni e c'è in giro il coronavirus, particolarmente problematico per lei che è asmatica. L'unica precauzione è stata quella di finire il turno alle 8,30, prima dell'apertura del negozio e quindi del rischio di incontrare clienti. Ma non si sente pronta ad andare in pensione, neppure adesso che il marito ha smesso in parte di lavorare e che sono passati venticinque anni dalla vincita.
 


La scelta di Elaine non è così inconsueta tra i fortunatissimi baciati dalla Dea bendata: più della metà dei vincitori della lotteria nazionale britannica continua a lavorare in qualche modo e meno di un quarto ha avviato un'attività propria, anche piccola come un salone di bellezza o una piccola impresa, dopo la vittoria. Sono molte, e ben documentate, le storie di chi invece ha in qualche modo perso la bussola, si è fatto sconfiggere dalla noia e dal vuoto di una vita con tutti i lussi ma senza un vero obiettivo. Ci sono stati casi di suicidi di persone che avevano vinto somme enormi, avevano perso molto in investimenti sbagliati, erano finiti al centro delle attenzioni di parenti e finti amici. Nel 2002, Gigi Podda, sardo di Sanimi, centrò un 6 al Superenalotto da 5 milioni di euro, divisi con due amici. Tredici anni dopo è morto suicida, malato e solo, postando sulla sua pagina Facebook un messaggio che non lascia dubbi: «I soldi ti fanno ricco. Il rispetto e l'educazione ti fanno signore».

LEGGI ANCHE ​Acquista 25 biglietti della lotteria e vince 25 premi

Storie che fanno pensare che la signora Elaine, e tutte quelle persone che dopo una schedina vincente o un gratta e vinci fortunato hanno preferito dedicarsi alla beneficenza, ad aiutare la famiglia senza eccessi o ai piccoli investimenti oculati, non abbia avuto torto a tenersi i suoi scaffali e la sua routine. C'è addirittura chi, dopo aver passato qualche anno di bella vita, ha preferito tornare alla scrivania, alla catena di montaggio o al salone da parrucchiere. «Io sono stata educata a lavorare, mi piace lavorare», ha concluso Elaine. «Ho continuato a lavorare ma con orari più adatti a me e con il resto del tempo sono stato in grado di aiutare e di sostenere le associazioni caritatevoli che mi sono più a cuore». L'anniversario della vincita corrisponde a quello delle nozze con Derek: quest'anno Elaine li festeggerà insieme.

Ultimo aggiornamento: 08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA