Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Action Day, controlli in diversi comuni
tra Napoli e Caserta: 4 attività sequestrate

Venerdì 29 Luglio 2022
Action Day, controlli in diversi comuni tra Napoli e Caserta: 4 attività sequestrate

L’impegno congiunto dell’Esercito Italiano e delle Forze dell’Ordine impiegate nell’ambito dell’Operazione «Terra dei Fuochi», ha portato, anche in questo periodo a risultati di assoluto rilievo nel corso degli Action Day settimanali. Il contrasto allo smaltimento illecito di rifiuti industriali, artigianali e commerciali ed a roghi di rifiuti ha assunto particolare rilevanza durante il periodo estivo come prevenzione del più ampio fenomeno degli incendi dolosi. In particolare l’attività settimanale ha coinvolto diverse aree della provincia di Caserta e di Napoli.

Il giorno 27 luglio, nei comuni di Mondragone, Grazzanise, Santa Maria la Fossa e Cancello ed Arnone, gli interventi dei militari dell’Esercito e delle Forze dell’Ordine, supportati dalle agenzie territoriali interessate al contrasto dei reati ambientali, hanno permesso il controllo di 3 attività, di cui 1 sequestrata e l’identificazione di 8 persone, di cui 1 denunciata all’Autorità Giudiziaria. Inoltre, sono state comminate sanzioni per differenti illeciti amministrativi, con ammende quantificate in circa 132 mila euro. Per il controllo e verifica dei siti individuati dagli specialisti dell’Esercito Italiano e dalla Questura di Caserta, con il supporto dell’Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza, del Roan e dai Vigili del Fuoco, nonché delle Polizie Locali, sono stati impiegati 7 equipaggi, con un totale di 15 uomini, messi in campo dall’Esercito Italiano su base 3° Reggimento Bersaglieri, con unità della Polizia di Stato, Carabinieri di Grazzanise, Polizia Provinciale di Caserta, Guardia di Finanza Territoriale di Capua, Polizia Municipale di Mondragone, Grazzanise, Santa Maria la Fossa e Cancello ed Arnone, oltre che Asl veterinaria di Cancello ed Arnone e personale dell’Arpac e dell’Ispettorato Centrale Repressione delle Frodi (Icqrf).

Video

Il giorno 28 luglio, nei comuni di Nola, Scisciano, San Vitaliano, Marigliano e Saviano, gli interventi per il contrasto dei reati ambientali, hanno permesso il controllo di 9 attività, di cui 3 sequestrate e l’identificazione di 22 persone, di cui 5 denunciate all’Autorità Giudiziaria. Inoltre, 9 persone sono state sanzionate per differenti illeciti amministrativi, con ammende quantificate in circa 112 mila euro. Per il controllo e verifica dei siti individuati, sono stati impiegati 11 equipaggi, con un totale di 29 uomini, messi in campo dall’Esercito Italiano su base 3° Reggimento Bersaglieri, con unità della Polizia di Stato di Nola, Carabinieri di Saviano e Nola, Polizia Metropolitana di Napoli, Guardia di Finanza Territoriale di Nola, Polizia Municipale di Nola, Scisciano, San Vitaliano, Marigliano e Saviano, oltre che Asl, personale dell’Arpac e dell’Ispettorato Centrale Repressione delle Frodi (Icqrf).

Prosegue, in tal modo, lo sforzo di prevenzione e repressione dell’abbandono illecito e di roghi dei rifiuti, secondo la pianificazione stabilita dal piano congiunto delle Prefetture di Napoli e Caserta, le Questure di Napoli e Caserta, con la direzione e coordinamento del Vice Prefetto Filippo Romano, Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania.

Ultimo aggiornamento: 14:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA